Internet e approvazione

Anna Alessio - PixClick Marketing e Comunicazione Servizi di Marketing Comunicazione e Digitalizzazione delle imprese

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell’opinione che ho di me stesso.
Wayne W. Dyer

#Internet #Approvazione #Follow #PixClick

La vetrina virtuale che abbiamo a disposizione grazie ai social network può essere considerata come un’opportunità per farci conoscere e conoscere gli altri.

Ma cosa succede quando pur di ricevere visibilità si mette in discussione ciò che si è per diventare ciò che vogliono gli altri?

Purtroppo in particolar modo gli adolescenti, ma in realtà tutti noi, siamo influenzati, poco o molto dal giudizio altrui, perché volenti o nolenti viviamo nel contesto sociale, quando siamo sui social network il meccanismo è simile, siamo inseriti in una vetrina, in cui desideriamo comunicare noi stessi, ma cosa succede se non si è approvati come si desidera?

Internet è un luogo virtualmente pubblico, più intimo che esista, tutti vivono un’intimità pubblica senza rendersene conto, raccontano a chiunque chi sono, cosa fanno, dove si trovano e senza rendersene conto stanno fornendo i loro dati e la loro privacy a chiunque.

Ci sono stati diversi casi, di adolescenti che dopo aver perso o addirittura per non aver mai ricevuto l’approvazione dei loro coetanei sui social si sono suicidati.

È dunque fondamentale analizzare la digitalizzazione e la virtualità come mezzi che possono essere strumentalmente utilizzati per la manipolazione distruttiva dell’autostima delle persone.

L’autostima non nasce con noi, bensì si costruisce nel tempo, nei contesti, nelle relazioni e si fortifica attraverso il carattere personale, e come tutte le sfumature della personalità si evolve e muta.

È dunque fondamentale tenere presente che mezzi di comunicazione di massa interattivi quali smartphone, tablet, pc hanno al loro interno dei mondi che possono sembrare interessanti, ma di cui i fenomeni sociologici mutano in modalità oscura e ambigua.

È per tali motivi che a parer mio sono più pericolosi quando mettono in esposizione pubblica le persone sotto il giudizio di massa di sconosciuti, in tal modo qualunque persona è messa a rischio di danneggiamento della propria immagine a causa della massa.

Bisogna essere cauti sul web, in quanto ha un potenziale che se strumentalizzato in negativo, può realmente distruggere l’autostima delle persone.

Fondamentale è poi educare le persone a saper dare il giusto peso alle situazioni in modo da saper gestire fenomeni così improvvisi e rovinosi.

© Copyright, PixClick Marketing e Comunicazione Digitale – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Dott.ssa Anna Alessio

Dott.ssa Anna Alessio

Laureata in Scienze Pedagogiche e Media Education, Master in Comunicazione nella P.A.
Offro servizi di Marketing e Comunicazione Integrata sul web e digitalizzazione delle imprese mi occupo di Media Education, sono appassionata di nuove tecnologie e ne osservo l'evoluzione, l'utilizzo e l'influenza che esse hanno sulle persone.

Altro da esplorare

Visita il mio sito web

Scopri come aiuto le aziende a digitalizzarsi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: